Barletta

cattedralebarlettaIl comune di Barletta, Varrétte o Barlétte in dialetto barlettano, che comprende la frazione di Canne, sito archeologico ricordato per la storica battaglia vinta nel 216 a.C. da Annibale, è stato riconosciuto come città d’arte dalla Regione Puglia nel 2005 per le sue bellezze architettoniche.

“La città della disfida” si affaccia sulla costa adriatica, dove il litorale roccioso si addolcisce nelle sabbie dell’Ofanto, e fiorì di fatto solo nel Basso Medioevo come fortezza dei Normanni, diventando una delle tappe importanti per i crociati e per tutto il traffico commerciale verso la Terra Santa.

All’inizio del XVI secolo, durante la seconda guerra italiana che vide coinvolte Francia e Spagna, la città fu teatro di storiche vicende, quale la celebre Disfida di Barletta. Lo scontro tra cavalieri italiani e francesi, avvenuto a seguito di provocazioni di parte francese, si tenne il 13 febbraio 1503 e si concluse con la vittoria della compagine italiana, guidata dal capitano Ettore Fieramosca.

Durante la seconda guerra mondiale, l’8 settembre 1943 e nei giorni successivi la città fu teatro di diversi episodi di Resistenza. Gli anni ‘60, anche per Barletta, costituirono un periodo florido per la ripresa economica, con l’insediamento di nuove industrie, la costruzione di nuovi plessi scolastici, l’inaugurazione del museo di Canne ed il completamento del Palazzo di Città.

Tra i monumenti e gli edifici storici più importanti di Barletta è impossibile non citare la Cattedrale di Santa Maria Maggiore, la Basilica del Santo Sepolcro, Palazzo della Marra o Teatro Curci.